Associazione Boscovich Arte e Salute

Tutto ciò che ci alimenta spiritualmente migliora anche il nostro fisico. Uno studio pubblicato sull’American Journal of Public Health ha evidenziato che impegnarsi in attività creative può contribuire alla riduzione dello stress e può essere uno strumento per alleviare il peso dovuto alle malattie croniche. Attraverso la creatività e l’immaginazione troviamo la nostra identità e la riserva interiore che stimola la guarigione. Lo Studio medico Boscovich, con l’Associazione Arte e Salute, intende veicolare questa linea di pensiero divulgando la cultura fuori dagli ambiti tradizionali, rendendola così maggiormente fruibile, accessibile e facendo in modo che l’Arte diventi una vera e propria terapia. Caterina Corni è la responsabile del progetto Arte Salute.

CATERINA CORNI
caterina-corni-defDirettore artistico dell’Associazione Boscovich Arte e Salute dal 2012, Caterina Corni (classe 1979) è critica d’arte impegnata in ambito sia nazionale sia internazionale e curatrice presso la collezione dell’azienda indiana TATA. Si è laureata in Lettere Moderne, indirizzo Storia e Critica delle Arti, presso l’Università degli Studi di Milano e successivamente ha frequentato l’Université d’Eté del Centre Pompidou di Parigi. Nel suo curriculum vanta numerose collaborazioni con gallerie private e riviste di arte contemporanea, tra cui FlashArt. Tra le principali mostre: “GIFT”, Kamalnayan Bajaj gallery, Mumbai (IN), 2005. “JIVYA SOMA MASHE. ABITARE IL CUORE”, Lattuada Studio, Milano, 2006. “CONTEMPORARY INDIAN ART” A/R Contemporary gallery, Milano, 2007. “SONIA KHURANA. SOLO SHOW”, Spazio Teresa Sapey, Madrid, 2008. “DER ZOO DER SEELE”, ArtMbassy gallery, Berlino, 2008. “MICHELANGELO PISTOLETTO. NOTTE LOVE DIFFERENCE”, Dream Factory gallery, Milano, 2011. “MADE IN ITALY”, Sakshi gallery, Mumbai (IN), 2012. “SIMRIN MEHRA AGARWAL. THE HIDDEN COURTYARD”, 1X1 gallery, Dubai (UAE) 2013. “JAMINI ROY. DALLA TRADIZIONE ALLA MODERNITA’ “, Museo delle Culture, Lugano, 2015. “DR. BABASAHEB AMBEDKAR MEMORIAL”, in collaborazione con il Governo Indiano, Londra, 2015.